I corsi di Salvatore Villani al "Carpino In Folk".

Dalla pagina di Salvatore Villani apprendiamo i programmi dei corsi che terrà al "Carpino In Folk" nei giorni dall'8 al 10 agosto.

canto, chitarra battente e danza. Per eventuali adesioni
scrivere a: slvillani@libero.it o inviare messaggio su messenger. Mil gracias!
*CORSO DI Canti tradizionali del Gargano
tenuto da SALVATORE VILLANI
Modulo di 6 ore
8-9-10 agosto: ore 10:30-11:30/ 17-18
I canti monodici e polivocali dei diversi paesi del Gargano saranno affrontati con sistematicità, in base alle tecniche vocali ed esecutive dei vari interpreti
della tradizione.
Il seminario della durata di 6 ore affronterà l'uso della voce nei canti monodici e polivocali e lo studio delle varie forme di canto nel Gargano.
1 ora di teoria
Seminario di etnomusicologia
Gli stili del canto (serenate, tarantelle, devozioni), i cantori storici, le feste profane e le ricorrenze religiose: i pellegrinaggi e i molteplici riti
della settimana santa.
5 ore di pratica
Studio sulla voce: emissione, controllo del diaframma, esecuzione di canti tradizionali.
*CORSO DI Chitarra battente del Gargano
tenuto da SALVATORE VILLANI
Modulo di 6 ore
8-9-10 agosto. ore 9:30-10:30/16-17
Gli stili musicali sulla chitarra battente dei diversi paesi del Gargano saranno affrontati con sistematicità, in base alle tecniche vocali ed esecutive
dai vari interpreti della tradizione.
Il seminario della durata di 6 ore affronterà la tecnica “battente” sullo strumento e lo studio delle varie forme di tarantelle del Gargano.
1 ora di teoria
Seminario di etnomusicologia
Gli stumenti musicali (in particolare le tipologie di chitarra battente), gli stili del canto (serenate, tarantelle, devozioni), i cantori storici, le
feste profane e le ricorrenze religiose: i pellegrinaggi e i molteplici riti della settimana santa. Le danze.
5 ore di pratica
Studio sulla chitarra battente: posizioni sullo strumento, la tecnica della mano destra, le varie forme di tarantella di Carpino, Cagnano Varano, Ischitella,
Monte Sant'Angelo, San Giovanni Rotondo.
* CORSO DI TARANTELLE DEL GARGANO
tenuto da SALVATORE VILLANI
Modulo di 9 ore
8-9-10 agosto: ore 11:30-13/18-20
Le tarantelle garganiche rientrano in una famiglia molto più ampia e variegata di forme musicali e di ballo diffuse in tutto il meridione. A causa dell’isolamento
del territorio, però, esse risultano assai differenziate dalle altre regioni italiane e presentano una loro specificità. Per comprendere la specificità
delle tarantelle garganiche, bisogna, quindi, innanzi tutto distinguere le sue multiformi tipologie coreutico-musicali in base alle occasioni-funzione:
1. ballo legato al tarantismo, con finalità iatromusicali;
2. ballo di corteggiamento, con finalità relazionali coppia uomo-donna;
3. ballo ludico, con finalità sociali, coppie variegate uomo-donna, uomo-uomo, donna-donna;
4. ballo di combattimento, con finalità difensive, in coppia maschile.
Il seminario della durata di 9 ore affronterà, in questo primo step, unicamente la tarantella e la danza scherma di Carpino e la tarantella di San Giovanni
Rotondo.
1 ora di teoria
Seminario di etnomusicologia ed etnocoreologia del Gargano
Gli stumenti musicali (in particolare le tipologie di chitarra battente), gli stili del canto (serenate, tarantelle, devozioni), i cantori storici, le
feste profane e le ricorrenze religiose: i pellegrinaggi e i molteplici riti della settimana santa. Le danze.
8 ore di pratica
La tarantella di Carpino, allo stato attuale delle ricerche, è la meglio conservata nella memoria e pertanto ha bisogno di essere affrontata sotto diversi
aspetti e stili etnocoreutici. Il corso propone di coniugare lo studio e la pratica del repertorio delle danze tradizionali con lo scopo di sviluppare
nei corsisti il senso ritmico, la conoscenza del proprio corpo e l’adattamento allo spazio psico-fisico, con l’uso delle castagnole di Carpino, che saranno
date in prestito durante il corso.
Per rigore filologico e correttezza scientifica, si chiariranno anche le differenze tra le forme tradizionali di tarantella e la danza reinventata al seguito
del recente “movimento della neotarantella”. Con visione di audiovisivi.